IL CASO BRAIBANTI – Teatro Van Westerhout 5-8 dicembre 2018

 Teatro Van Westerhout Mola di Bari
Stagione 2018 | 19
Compagnia Diaghilev progetto LE VIE DEL SUD
Comune di Mola di Bari Assessorato alla Cultura

IL CASO BRAIBANTI
di Massimiliano Palmese
regia Giuseppe Marini
con Fabio Bussotti e Mauro Conte
musiche dal vivo Mauro Verrone
produzione Diaghilev

mer. 5 – gio. 6 – ven. 7 ore 21 – sab. 8 dicembre 2018 ore 19

prenotazioni 333.1260425-347.1788446
biglietti on line e circuito Vivaticket
posto unico € 8, ridotto € 6 under 30 e over 65


Nell’ottobre del 1964 venne depositata alla Procura della Repubblica di Roma una denuncia contro il piacentino Aldo Braibanti – ex-partigiano torturato dai nazifascisti, artista, filosofo e mirmecologo – “per aver assoggettato fisicamente e psichicamente” il ventunenne Giovanni Sanfratello. In realtà il ragazzo, in fuga da una famiglia tradizionalista e bigotta, aveva deciso di seguire le sue inclinazioni ed era andato a vivere a Roma con Braibanti. Non riuscendo a separare la coppia, il padre di Giovanni denunciò l’artista-filosofo con l’accusa di “plagio”.
Il processo a Braibanti si aprì il 12 giugno 1968, mentre infiammava la Contestazione, e i giovani di tutto il mondo chiedevano a gran voce più ampie libertà. In molti denunciarono lo scandalo di un processo montato ad arte dalla destra più reazionaria del Paese in combutta con esponenti del clero e della “psichiatria di regime”. Dalle colonne dei giornali in favore di Braibanti intervennero Pier Paolo Pasolini, Elsa Morante, Alberto Moravia, Umberto Eco, Marco Pannella, Cesare Musatti, Dacia Maraini. I loro appelli caddero nel vuoto.
Il caso Braibanti, di Massimiliano Palmese, ripercorre con toni da teatro civile la storia dell’artista-filosofo Aldo Braibanti. Diretti da Giuseppe Marini, in scena Fabio Bussotti e Mauro Conte nei panni dei due protagonisti, con sax live di Mauro Verrone