Archives

IL GIORNO IN CUI CI SIAMO INCONTRATI E NON CI SIAMO RICONOSCIUTI – A MARZO AL TEATRO VAN WESTERHOUT

Compagnia Diaghilev | Mola di Bari | Stagione 2017-18
Teatro Van Westerhout
dal 1 al 18 marzo 2018
prenotazioni 3398796764

 

IL GIORNO IN CUI CI SIAMO INCONTRATI E NON CI SIAMO RICONOSCIUTI


un poetico e originale spettacolo per raccontare solo con il gesto e il movimento
e attraverso suggestive visioni storie fatte di attimi, di sogni, di ricordi
 

ideazione, drammaturgia impianto scenico e regia
Giuseppe Sollazzo
costumi Luisa Viglietti
luci Guido Levi

con Elisabetta Aloia Valeria Angeloro Antonella Carone Altea Chionna Maurizio Dellavilla Carlo D’Ursi Alessandro Epifani Francesco Gisotti Francesco Lamacchia Giuseppe Losacco Tiziana Manfredi Serena Palmisano Paolo Panaro Vito Valenzano

coordinamento di produzione Rosaria Ximenes
assistente alla regia Giulia Sangiorgio
assistente alle scene Donato Didonna

sarte Angela Gassi, Nicolaia Meliota

truccatrice Carmen Siena
elettricista Gianni Colapinto
realizzazione costumi Sartoria Factory Costume
produzione Diaghilev

recite marzo 2018
gio 1 h 21 in abbonamento
ven 2 | sab 3 | dom 4
mer 7 | gio 8 | ven 9 sab 10 | dom 11
mer 14 | gio 15 | ven 16 sab 17 | dom 18
feriali h 21 domeniche h 20

 img-20180302-wa0013img-20180302-wa0015img-20180305-wa0010img-20180301-wa0016img-20180305-wa0011

 

 

diaghilev-manifesto-il-giorno-in-cui

PARENTI SERPENTI – VENERDI’ 9 FEBBRAIO ORE 21.00 – TEATRO VAN WESTERHOUT

 

 

Teatro van Westerhout Mola di Bari
STAGIONE 2017|18

venerdì 9 febbraio h 21
Lello Arena
PARENTI SERPENTI
di Carmine Amoroso

interpreti e personaggi
Fabrizio Vona Alfredo
Marika De Chiara Milena
Andrea de Goyzueta Alessandro
Carla Ferraro Gina
Serena Pisa Lina
Rafaele Ausiello Michele
Lello Arena Saverio
Giorgia Trasselli Trieste
regia di Luciano Melchionna
scene Roberto Crea | costumi Milla
musiche Stag ! disegno luci Salvatore Palladino
assistente alla regia Sara Esposito
produzione Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro
in collaborazione con Bon Voyage Produzioni
e con Festival Teatrale di Borgio Verezzi

Un Natale in famiglia, nel paesino d’origine, come ogni anno da tanti anni. Un Natale pieno di ricordi e di regali da scambiare, in questo rito stanco che resta l’unico appiglio possibile per tentare di ravviare i legami famigliari, come il fuoco del braciere che i genitori anziani usano, ancora oggi, per scaldare la casa: un braciere pericoloso ma rassicurante come tutte le abitudini e le tradizioni. Un Natale a casa dei genitori anziani che aspettano tutto l’anno quel momento per rivedere i figli cresciuti, e andati a lavorare in altre città.
Uno sbarco di figli e parenti affettuosi e premurosi che si riuniscono, ancora una volta, per cercare di spurgare, in un crescendo di situazioni esilaranti e stridenti in cui tutti noi possiamo riconoscerci, le nevrosi e le stanche dinamiche di coppia di cui sono ormai intrisi.
Immaginare Lello Arena, con la sua carica comica e umana, nei panni del papà - interpretato da Panelli nel film di Monicelli – mi ha fatto immediatamente sorridere, tanto da ipotizzare il suo sguardo, come quello di un bambino, intento a descrivere ed esplorare le dinamiche ipocrite e meschine che lo circondano, in quei giorni di santissima festività: è un genitore davvero in demenza senile o è un uomo che non vuol vedere più la realtà e si diverte a trasformarla e a provocare tutti? Andando via di casa, diventando adulti, ogni figlio ha dovuto fare i conti con la realtà, ha dovuto accettare i fallimenti e ha imparato a difendere il proprio orticello mal coltivato, spesso per incuria o incapacità, ma in quelle pause di neve e palline colorate ognuno di loro si impegna a mostrarsi spensierato, affettuoso e risolto. All’improvviso però, i genitori, fino ad allora autonomi punti di riferimento, esprimono l’esigenza di essere accuditi come hanno fatto anni prima con loro: uno dei figli dovrà ospitarli e prendersi cura della loro vecchiaia… a chi toccherà?
All’improvviso, dunque, un terremoto segna una crepa nell’immobilità rassegnata di un andamento ormai sempre lo stesso e in via di spegnimento, una crepa dalla quale un gas mefitico si espanderà e inquinerà l’aria. Sarà la soluzione più spicciola e più crudele a prendere il sopravvento. Verità? Paradosso? Spesso, come si è soliti dire, la realtà supera la fantasia.

(Luciano Melchionna)

 

Platea e palchi centrali € 25,00 | palchi laterali e loggione € 20,00
info e prenotazioni 339.8796764

 

diaghilev-parenti-serpenti-lello-arena-teatro-van-westerhout-mola-di-bari-9-febbraio-2018

 

RAGGIONEPECCUI – TEATRO VAN WESTERHOUT SABATO 3 FEBBRAIO 2018 ORE 21.00

 

 

RACCIONEPECCUI
di Giuseppe Bertolucci
con Marina Confalone

TEATRO VAN WESTERHOUT 
STAGIONE 2017-2018
SPETTACOLO IN ABBONAMENTO

SABATO 3 FEBBRAIO ORE 21.00

In quarantacinque minuti di monologo comico,tragico,nero,rosa,lugubre, poetico, Marina Confalone vomita un scena l’incredibile vicenda di una povera disperata meridionale: l’orfanatrofio, l’insegnamento elementare
in una scuolina di paese,il Calvario della emarginazione omosessuale,il primo grande amore,l’inferno dell’omicidio,la maternità,l’ospedale psichiatrico…
La deflagrazione mentale del personaggio si traduce in deflagrazione espressiva.Ne nasce un idioma completamente inventato che sulla base di un contorto meridionalese si struttura in una Babele di prestiti e calchi linguistici:dal fumetto alla pubblicità ai verbali di polizia.Proseguendo un’esperienza iniziata assieme a Roberto Benigni con il “Cioni Mario”,questo monologo esplora le potenzialità comiche del tragico e le valenze tragiche del comico nella prospettiva di una teatralità poverissima nei suoi apparati produttivi,ricca solo di elaborazioni testuali idee e performances recitative.

Giuseppe Bertolucci

Platea e palchi centrali € 12,00 | palchi laterali e loggione € 8,00
info e prenotazioni 339.8796764

 

diaghilev-raccionepeccui-marina-confalone-teatro-van-westerhout-mola-di-bari-3-febbraio-2018diaghilev-manifesto-2-raccionepeccui-001 marina-confalone-raccionepeccui-foto-3

LEGGERE LE FIABE 2018 – RASSEGNA RIVOLTA AL MONDO DELL’INFANZIA – 4^ EDIZIONE

 

COMPAGNIA DIAGHILEV

LEGGERE LE FIABE
Progetto Arti_fici / Bollenti Spiriti

Casa delle Culture Mola di Bari
(Palazzo San Domenico – ex Municipio – Piazza degli Eroi, 6)
Letture animate con gli attori della Compagnia Diaghilev
dal 27 gennaio al 19 maggio 2018

Riparte la rassegna rivolta al mondo dell’infanzia “Leggere le fiabe”, organizzata dalla compagnia Diaghilev presso la Casa delle Culture di Mola di Bari 
(Palazzo San Domenico – ex Municipio – Piazza degli Eroi, 6) nell’ ambito del Progetto Arti_fici / Bollenti Spiriti promosso dal Comune di Mola di Bari Assessorato alla Cultura, dalla Regione Puglia Assessorato alle Politiche Giovanili e dall’Unione Europea.
L’iniziativa, giunta alla 4^ edizione, è riservata ai bambini di età compresa tra 4 e 10 anni e alle famiglie e prevede un ciclo di letture animate di alcune tra le fiabe più belle e più note, eseguite dagli attori della compagnia Diaghilev e musicate dagli studenti del liceo musicale “Luigi Russo” di Monopoli. 
Dieci appuntamenti di sabato pomeriggio alle ore 17,30 dal 27 gennaio al 19 maggio per provare a scoprire insieme il fascino del racconto.

Ingresso gratuito per i bambini e gli accompagnatori sino ad esaurimento dei posti con prenotazione obbligatoria 
tel. 347.1788446 | 333.1260425

sabato 27 gennaio ore 17.30
Brundibar
di Hans Krása
opera composta nel campo
di concentramento di Terezin
con Elisabetta Aloia
musiche eseguite dagli studenti
del Liceo Musicale di Monopoli
dai 7 anni in su

sabato 10 febbraio ore 17.30
La regina delle nevi
di Hans Christian Andersen
con Elisabetta Aloia

sabato 24 febbraio ore 17.30
Il soldatino di stagno
di Hans Christian Andersen
con Marianna di Muro

sabato 10 marzo ore 17.30
Il gatto con gli stivali
di Charles Perrault
con Loris Leoci

sabato 24 marzo ore 17.30
I musicanti di Brema
di Jacob e Wilhelm Grimm
con Francesco Lamacchia
musiche eseguite dagli studenti
del Liceo Musicale di Monopoli

sabato 7 aprile ore 17.30
Biancaneve
di Jacob e Wilhelm Grimm
con Antonella Carone

sabato 21 aprile ore 17.30
Il flauto magico
di Wolfgang Amadeus Mozart
con Loris Leoci
musiche eseguite dagli studenti
del Liceo Musicale di Monopoli

sabato 5 maggio ore 17.30
Il principe gamberino
di Guido Gozzano
con Carlo D’Ursi

sabato 12 maggio ore 17.30
La danza degli gnomi
di Guido Gozzano
con Carlo D’Ursi
musiche eseguite dagli studenti
del Liceo Musicale di Monopoli

sabato 19 maggio ore 17.30
Il prode piccolo sarto
di Jacob e Wilhelm Grimm
con Vito Lopriore

 

 

locandina-leggere-le-fiabe-2018

IL PRANZO DI BABETTE – TEATRO VAN WESTERHOUT

COMPAGNIA DIAGHILEV

TEATRO VAN WESTERHOUT

STAGIONE 2017/2018

SPETTACOLO FUORI ABBONAMENTO

 

IL PRANZO DI BABETTE 

di Karen Blixen
adattamento e drammaturgia di Francesco Niccolini
diretto e interpretato da Paolo Panaro
e con Angelo De Leonardis baritono
Debora Del Giudice pianoforte
Produzione Diaghilev

Alla fine dell’Ottocento in un piccolo villaggio della Danimarca vivono due anziane sorelle, Martina e Philippa. Figlie di un pastore protestante, decano e guida spirituale del posto, dopo la sua morte hanno ereditato la direzione della locale comunità religiosa respingendo le proposte di matrimonio e continuando a vivere una vita semplice e frugale, per aiutare i compaesani in difficoltà.
Un giorno si presenta alla loro porta, stremata, la parigina Babette Hersan. Accolta dalle anziane signorine, si guadagna l’ospitalità facendo da governante e contribuendo all’attività di beneficenza.
Una storia raccontata in una casa di fantasmi. Tutto è finito molto tempo fa, eppure il ricordo è vivissimo, come una fiamma di candela che scalda anche le notti più gelide. La storia di un “cupo mal di denti” che l’arte di una donna, venuta da lontano, scioglie miracolosamente. Un fiordo norvegese, una comunità religiosa ossessionata dal senso del peccato e dalla penitenza, la fuga precipitosa di tre donne: una dall’amore, la seconda dalla lirica, la terza dalla Comune di Parigi. Tutte nella stessa casa, secondo i capricci del destino.
Il racconto capolavoro di Karen Blixen, reso famoso da un film di Gabriel Axel (premio Oscar nel 1988) trasposto per il teatro, alla ricerca della purezza cristallina delle emozioni potenti e livide create dall’immenso talento della grande scrittrice danese: il miracolo e l’invidia, la paura dei sentimenti, il batticuore, gli anni che passano, le occasioni perdute, i rimpianti. E, sopra a tutto, una riflessione sulla generosità dell’arte, che cambia la vita.

 

giovedì 18 | venerdì 19 | sabato 20 | domenica 21
giovedì 25 | venerdì 26 | sabato 27 | domenica gennaio
feriali h 21, domeniche h 20

Posto unico € 8/ ridotto over 65 e under 25 € 6,00
Info 333.1260425

https://www.facebook.com/paolo.panaro1/videos/10210795284710785/

 

diaghilev-il-pranzo-di-babette-scheda-paolo-panaro-teatro-van-westerhout-dal-18-al-28-gennaio-2018-001